De Luca, la finta firma e i rifiuti in Marocco

L’ultimo guaio - Il governatore accusa: “Falsificati il mio nome e gli atti degli appalti”
De Luca, la finta firma e i rifiuti in Marocco

È un giallo internazionale la storia delle 2.500 tonnellate di rifiuti provenienti dall’Italia e scaricati in Marocco, dove da due settimane è in atto una rivolta ambientalista contro la cosiddetta “Zbel Taliania”, la spazzatura made in Italy, che sta facendo ballare il governo dello stato africano. Una vicenda in cui la Regione Campania è parte […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.