È un giallo internazionale la storia delle 2.500 tonnellate di rifiuti provenienti dall’Italia e scaricati in Marocco, dove da due settimane è in atto una rivolta ambientalista contro la cosiddetta “Zbel Taliania”, la spazzatura made in Italy, che sta facendo ballare il governo dello stato africano. Una vicenda in cui la Regione Campania è parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Roma, il pugno duro di Grillo. Lombardi costretta all’addio

prev
Articolo Successivo

Rcs: Bonomi centra il primo obiettivo, ma Cairo avanza

next