Dalla pasta ai formaggi, guerra per il Made in Italy

Il Parlamento Ue vuole estendere l’obbligo di indicare l’origine dei prodotti nelle etichette
Dalla pasta ai formaggi, guerra per il Made in Italy

Formaggi, salumi, pasta e prodotti confezionati vari riempiono i supermarket con marchi di aziende italiane, ma potrebbero essere realizzati con materie prime straniere. Come la bresaola della Valtellina Igp, fatta con “carni bovine di provenienza europea e mondiale” come si legge sul sito del Consorzio. Non si tratta di una frode alimentare perché le norme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.