» Politica
venerdì 28/09/2018

Vaticano, il presidente della Cei Gualtiero Bassetti: “Da Viganò solo minacce, il Papa smonterà le falsità”

Gualtiero Bassetti - Il presidente della Cei, che critica il decreto Salvini sui migranti, dice al governo gialloverde di non esibire la fede per il consenso

La sala Marconi di Radio Vaticana custodisce i microfoni dei pontifici, da quello usato in piazza San Pietro da Eugenio Pacelli a quello per le adunate con i giovani di Karol Wojtyla. Il cardinale Gualtiero Bassetti – arcivescovo metropolita di Perugia nonché presidente della Conferenza episcopale italiana – parla a ciascun microfono di ciascuna televisione per spiegare il dissenso dei vescovi al decreto di Matteo Salvini sui migranti. Una, dieci, venti volte. Poi stremato, il cardinale prende una sedia davanti ai ritratti dei papi, si sistema l’anello pastorale, ingolla un sorso d’acqua e risponde al Fatto.

Il pontificato di Francesco attraversa un periodo complicato: il report di Carlo Maria Viganò sull’ex cardinale McCarrick, le presunte coperture ai molestatori, gli scandali sessuali, gli anni dell’omertà sugli abusi. A parte le scontate dichiarazioni pubbliche, percepisce un pieno sostegno al Papa o esiste e resiste la fronda dei critici?
Qualche vescovo non riesce a capire il pensiero di Francesco, non lo approfondisce, non lo legge forse. Il Papa porta una novità, ma è la novità del Vangelo e non può spaventare. Bergoglio non è né un innovatore né un progressista, è un uomo che ha la sua bellissima formazione di gesuita e insiste su tematiche fondamentali come il discernimento e la misericordia. Il Papa è innamorato della religiosità popolare che sta alla base della fede, perché viene dagli ultimi. Più che dalle verità astratte, parte dai contenuti del Vangelo. Il metodo, rispetto al passato, è diverso. Vangelo, misericordia, sinodalità, popolo di Dio. Francesco è un difensore dei deboli, pensi alla teoria dello scarto, alle critiche all’economia del consumo.

E pensiamo anche ai contrasti con gli Stati Uniti, è il primo pontefice non proprio filo-americano.
Però viene dal continente americano… Quando s’è presentato a New York ci ha scherzato su con le autorità locali. Ha detto siamo entrambi americani, chi del nord, chi del sud.

L’ex nunzio Viganò agisce per desiderio di verità, spirito di vendetta o perché pedina di una congiura?
Quello che ha scritto Viganò è assurdo, soprattutto è assurdo il modo. Se vuoi scrivere un documento secondo verità non usi uno stile che lascia intravedere la minaccia. Se fai una cosa del genere in una denuncia in procura, incriminano te, non chi vuoi infangare.

Il Vaticano prepara un contro dossier per replicare a Viganò, è una buona scelta?
Sì, presto avremo una risposta dettagliata. Il Papa ha fatto bene a non avere una reazione immediata, ma ci sono gli elementi per smontare quelle falsità.

Ha gestito mai un caso di un sacerdote accusato di abusi su minori?
Vent’anni fa, quand’ero vescovo di Arezzo. Era un sacerdote insospettabile, era sempre tra i giovani. Era noto perché affascinava i ragazzi, riusciva a coinvolgerli in iniziative educative. Andava nelle scuola a discutere di droga. Noi ce ne siamo accorti dopo le confessioni dai carabinieri di una mamma di un bambino. Io ho preso contatti con la mamma, li abbiamo aiutati e l’ormai ex sacerdote è stato arrestato e poi ha passato otto anni in carcere. Proveniva da una congregazione religiosa, quindi per la diocesi era più difficile scovarlo.

Come si può sanare la piaga secolare della pedofilia?
Vanno aumentati i controlli nei seminari, capire chi bussa alla porta della Chiesa e vanno denunciati i colpevoli senza timori.

Il capo dei vescovi italiani è favorevole a concedere il sacerdozio agli uomini sposati?
Va fatta una riflessione. Questo è un problema che la Chiesa si dovrà porre. Io non sono contrario. Esiste già il sacerdozio uxorato per i preti cattolici di rito orientale. A Perugia abbiamo un ucraino e un rumeno coniugati e la gente è contenta. È una questione di disciplina ecclesiastica. Soltanto agli uomini sposati può essere dato il sacerdozio, ma i sacerdoti non possono sposarsi.

Il ritorno del crocifisso, i padri di famiglia, il bacio al sangue di San Gennaro, l’immagine votiva di Padre Pio: il governo ha riscoperto la fede cattolica o la speculazione sulla fede?
Io non giudico le persone, possono essere più cattoliche di me, ma la vera religione – come dice Gesù ai samaritani – è di coloro che adorano in spirito e in verità. Se tu adori, e sei un vero credente, va bene se cammini con il rosario in tasca, ma quella è la coda del cavallo. A me interessa il cavallo, non la coda, non solo l’esibizione della fede ai fini della propaganda.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
L’ex consigliere di Stato

Bellomo, l’accusatrice ritira la querela ma il processo prosegue

Colpo di scena davanti al giudice dell’udienza preliminare di Piacenza dove sono imputati l’ex consigliere di Stato destituito Francesco Bellomo e Davide Nalin, ex pubblico ministero di Rovigo poi sospeso per stalking e lesioni gravi. La ragazza piacentina di 32 anni che partecipò come borsista alla scuola di formazione “Diritto e Scienza”, e i genitori che con la loro denuncia diedero il via all’inchiesta, sono usciti dal processo dopo aver rimesso la querela. C’è stata “una conciliazione tra le parti all’esito di una vicenda comunque travagliata e di un rapporto affettivo che certamente esisteva”, hanno affermato il professor Vittorio Manes e l’avvocato Beniamino Migliucci, difensori dei due imputati. Si è dunque raggiunto un accordo extraprocessuale. Ma il processo andrà avanti, perché i reati sono procedibili anche d’ufficio. E durante l’udienza, gli avvocati della difesa hanno anche presentato al giudice una memoria che mette in dubbio il rapporto di causa tra il comportamento di Bellomo e le presunte lesioni psichiche che la ragazza afferma di aver riportato: la giovane donna era stata male e ricoverata in ospedale.

Politica

Il ponte si può demolire in tempi brevi: i pm non sono un ostacolo

Politica

Rai, il Pd chiede di vedere le schede, Barachini dice no: “Nessuna irregolarità”

“Io e Di Maio uguali? Ma non scherziamo”
Politica
L’intervista - Mariglianella (Na)

“Io e Di Maio uguali? Ma non scherziamo”

Il sovranismo affonda Sallusti
Politica
Il Giornale

Il sovranismo affonda Sallusti

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×