Conte fa “l’Americano” e la spalla diventa Trump

La sintonia italiana pro-Russia. E gli altri europei evitano le critiche
Conte fa “l’Americano” e la spalla diventa Trump

Chi s’aspettava che il professor Giuseppe Conte entrasse in punta di piedi sulla scena del G7, il più prestigioso ed esclusivo dei Vertici della ‘governance’ mondiale, è rimasto senza dubbio spiazzato: il premier ha mutuato il linguaggio, se non la postura, dei suoi due tribunizi vice-premier ed è stato esplicito negli incontri bilaterali e ‘d’area’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.