» Politica
martedì 07/08/2018

Consob, l’unica via d’uscita per Nava: chiedere l’aspettativa alla Commissione Ue o presentare le dimissioni

Palazzo Chigi non chiederà la testa del presidente e aspetta il verdetto dei commissari (divisi). Ma il caso va sanato. L'economista ha chiesto solo un distacco, cioè resta dipendente di Bruxelles. Una potenziale incompatibilità che rischia di aprire la strada a ricorsi contro le decisioni dell'authority
Consob, l’unica via d’uscita per Nava: chiedere l’aspettativa alla Commissione Ue o presentare le dimissioni

Il presidente della Consob Mario Nava ha una via d’uscita dall’angolo in cui si è messo: ammettere che la linea tenuta in questi mesi era sbagliata e chiedere l’aspettativa dalla Commissione europea di cui è funzionario o presentare a Bruxelles le dimissioni. Il dossier sulla sua nomina, decisa dal governo Gentiloni, è sul tavolo di palazzo Chigi: il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è un giurista amministrativo e ha ben chiaro quanto è delicato il caso. Dopo lo scontro tra il ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio e il presidente dell’Inps Tito Boeri sugli effetti negativi del decreto Dignità, l’ultima cosa che Conte vuole è dare all’esterno l’impressione di un attacco dell’esecutivo all’autorità indipendente che vigila sulla Borsa. Ma a Conte è altrettanto chiaro che la situazione va risolta. E il verdetto finale spetta proprio ai commissari Consob.

Riassunto delle puntate precedenti. Quando Nava si è insediato, lo scorso 16 aprile, ha dichiarato come di rito di non avere cause di incompatibilità. Eppure la legge istitutiva della Consob è chiara: i dipendenti pubblici “sono collocati d’ufficio in aspettativa”. Nava è dipendente della Commissione europea che, sostiene chi contesta la nomina, è equiparata a un ente pubblico italiano. Ha ottenuto da Commissione e governo Gentiloni di andare in Consob in distacco, anzi, come si è scoperto poi leggendo i documenti interni, “in comando”, cioè rimanendo dipendente a tutti gli effetti della Commissione, senza quei requisiti di indipendenza che sono necessari per la Consob, dicono i critici. Ai tempi di Gentiloni la presidenza del Consiglio, il Quirinale, la Corte dei Conti e la Commissione hanno tutti dato il via libera alla nomina, anche se il distacco di Nava dura soltanto tre anni e il mandato in Consob sette. Ma questo non basta a chiudere il caso oggi, tra interrogazioni del M5S e perplessità crescenti anche nelle istituzioni.

Non c’è alcuna versione ufficiale chiara sul perché Nava si sia così impuntato invece di prendere l’aspettativa o dimettersi, come fece per esempio un altro funzionario europeo, Enzo Moavero Milanesi nel 2011, peraltro per fare il ministro in un governo con un anno di vita. Oltre alla garanzia di stipendi futuri superiori a quello da presidente Consob (240.000 euro), Nava conserva così intatte le sue prospettive di carriera a Bruxelles e può ambire a incarichi più elevati, visto che continuerà a maturare anzianità.

La potenziale incompatibilità di Nava rischia di aprire un inferno di ricorsi da parte di chi non vorrà contestare le decisioni della sua Consob e ormai è diventata anche una questione di principio per il governo e – pare – per il Quirinale. Pur nel rispetto delle rispettive competenze e dell’indipendenza della Consob, Conte ha fatto capire di non considerare affatto chiusa la questione. Anzi, non considera chiuso neppure il processo di nomina di Nava che pure si è insediato in aprile.

L’articolo 4 del regolamento interno Consob, infatti, stabilisce che “ove un componente incorra in una delle cause di incompatibilità (…), la Commissione, esperiti gli opportuni accertamenti e sentito l’interessato, stabilisce un termine entro il quale il componente è tenuto ad esercitare l’opzione”. In teoria dovrebbe essere il presidente della Consob a riferire al Consiglio dei ministri sull’esito della procedura. Ma a palazzo Chigi non danno peso al cavillo: i quattro commissari dovranno riferire al governo se Nava è incompatibile. Il premier Conte “prenderà atto” dell’esito della procedura. Tra i quattro commissari c’è in corso un vivace dialogo sul da farsi, Giuseppe Maria Berruti e Paolo Ciocca pare siano per la linea dura. Così non sarà il governo a mettere in discussione la permanenza di Nava alla Consob, ma gli altri commissari. E l’indipendenza dell’authority sarà rispettata.

Le dimissioni di Nava dalla Consob non sono uno scenario auspicato da nessuno. Ma l’economista milanese ha un unico modo per togliere tutti dall’imbarazzo: mettersi in aspettativa o dimettersi dalla Commissione Ue.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Cresce prelievo sui giochi

Calano le entrate tributarie, ma solo per gli slittamenti

Nei primi sei mesi 2018, le entrate tributarie ammontano a 198,515 miliardi, in calo di 6,406 miliardi rispetto allo stesso periodo 2017 (meno 3,1%). Lo comunica il ministero dell’Economia. Questa diminuzione, però, è dovuta solo allo slittamento a luglio del versamento delle imposte in auto-liquidazione e allo spostamento, da maggio a novembre, del versamento dell’acconto dell’imposta sulle assicurazioni. Al netto di questi fattori, quindi, le entrate sono aumentate del 2,6%. Il gettito delle imposte dirette è pari a quasi 103 miliardi di euro, con una diminuzione di 7,6 miliardi rispetto al primo semestre del 2017. Il gettito delle imposte indirette, invece, ammonta a 95.565 milioni di euro e registra una crescita di 1,270 miliardi (più 1,3%). Il risultato è legato all’andamento del gettito dell’Iva aumentata di quasi 1,2 miliardi. Le entrate dei giochi, nei primi sei mesi del 2018, ammontano a 7,35 miliardi di euro con una variazione positiva di 501 milioni di euro (+7,3%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate tributarie derivanti dalle attività di accertamento e controllo si sono attestate a 4,58 miliardi (più 224 milioni di euro, pari a +5,1%).

Politica

“Ne scelgano uno nuovo o l’azienda è bloccata”

Politica

Vaccini e proroghe: i ricorsi sono un’incognita

Veneto modello Benetton: cultura, business e Lega
Politica
L’analisi - Egemonia e soldi

Veneto modello Benetton: cultura, business e Lega

di
Il Pd e i 5 giorni di autogol: anche così arrivano i fischi
Politica
Genova - Un partito fermo al casello

Il Pd e i 5 giorni di autogol: anche così arrivano i fischi

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv
Politica
Media e potere

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×