» Società
lunedì 10/04/2017

Claudio da Testaccio poco profeta in patria

Claudio da Testaccio poco profeta in patria

Allenare la squadra del cuore non è mai facile. Se poi quella squadra è la Roma, l’impresa diventa proibitiva. Ne sa qualcosa Claudio Ranieri da Testaccio, sulla panchina giallorossa dal 2009 al 2011. Nel settembre 2010 la squadra non ingrana, il mite Claudio attacca i giornalisti: “Inizio io e concludo io. Ho letto tante cose assurde e adesso […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Società

Antonio Conte squalificato, lo show pronto per Crozza

Società

Spalletti, un toscano brutale a Roma

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×