Claudio da Testaccio poco profeta in patria

Claudio da Testaccio poco profeta in patria

Allenare la squadra del cuore non è mai facile. Se poi quella squadra è la Roma, l’impresa diventa proibitiva. Ne sa qualcosa Claudio Ranieri da Testaccio, sulla panchina giallorossa dal 2009 al 2011. Nel settembre 2010 la squadra non ingrana, il mite Claudio attacca i giornalisti: “Inizio io e concludo io. Ho letto tante cose assurde e adesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.