Certi direttori fanno dei giri immensi e poi ritornano

Continua l’infinito valzer dei giornali di destra, come nel gioco delle tre carte. Il renziano Feltri torna a “Libero” e Belpietro ora potrebbe puntare di nuovo al “Giornale” di Sallusti. Guidare un quotidiano è un po’ come fare il ministro, Mieli docet. Il caso Letta e la generazione dei “gestori”
Certi direttori fanno dei giri immensi e poi ritornano

Qualche anno fa un direttorone appena sollevato dall’incarico e per nulla affranto commentò così, con chi scrive, la notizia: “Adesso torno a fare il giornalista e a scrivere, finalmente”. Perché nell’Italietta dell’establishment e degli editori impuri (cioè con interessi prevalenti in altri campi), il direttore è figura di potere e pubbliche relazioni. Il capostipite contemporaneo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.