Borsellino quater, l’agente balbetta Il pm: “Indecente”

Il poliziotto “non ricorda” le ispezioni col falso pentito Il magistrato: “Onori la divisa”. Può finire alla sbarra
Borsellino quater,  l’agente balbetta Il pm: “Indecente”

Era stato citato per riferire in aula dei sopralluoghi durante i quali, tra il 29 giugno e il 3 luglio ’94, avrebbe accompagnato il falso pentito Vincenzo Scarantino che ancora si ricorda di lui e del suo soprannome: “Il francese”. Ma Angelo Tedesco, l’assistente di polizia nato a Colmar, in Francia, che all’epoca faceva parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.