Bcc, la riforma di Bankitalia che perpetua i conflitti d’interessi e le faide locali

Doveva mettere tutte le banche di credito cooperativo in una sola, invece c’è solo caos. E a comandare sono i soliti banchieri politicizzati che si volevano eliminare
Bcc, la riforma di Bankitalia che perpetua i conflitti d’interessi e le faide locali

La riforma sovietica delle 317 banche di credito cooperativo (Bcc) si realizza in modo sorprendente. La Banca d’Italia, ispiratrice del rivolgimento epocale decretato un anno fa dal governo Renzi, voleva più Europa. Per ora ha ottenuto un palio dei campanili stile Prima repubblica. I pessimisti predicono la restaurazione del sistema di potere democristiano prosperato per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.