Banca Etruria, i risarcimenti affidati a Kafka

L’arbitro chiede un atto che ha da 10 mesi, l’avvocato si arrabbia, il collegio si dimette

Breve storia triste ed esemplare del destino dei truffati di Banca Etruria. Vincenza Occhiuzzi vedova Armentano, di anni 82, fu sorpresa dal crac di Etruria con in mano obbligazioni subordinate per euro 205 mila. Illudendosi che le promesse dell’allora ministro Pier Carlo Padoan avessero senso comune, si è rivolta all’Autorità anticorruzione di Raffaele Cantone, incaricata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.