Addio Olmi, controcampo del cinema senza dogmi

Addio Olmi, controcampo del cinema senza dogmi

Di grandi registi ce ne sono stati tanti, di grandi uomini divenuti grandi registi meno. Ermanno Olmi apparteneva ai secondi, ed era un bene comune: girava con la macchina da presa all’altezza del cuore, chi altri? Il suo cinema non rivendicava mai una superiorità estetica, morale, stilistica, bensì parlava un lessico familiare, non si dava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.