Di grandi registi ce ne sono stati tanti, di grandi uomini divenuti grandi registi meno. Ermanno Olmi apparteneva ai secondi, ed era un bene comune: girava con la macchina da presa all’altezza del cuore, chi altri? Il suo cinema non rivendicava mai una superiorità estetica, morale, stilistica, bensì parlava un lessico familiare, non si dava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Inflazione e delusione l’Argentina ha paura di un nuovo crac

prev
Articolo Successivo

La contadina di Mubarak. Il film che non vedrà la luce

next