L’Argentina pare ripiombare nel caos economico e sociale del 2001, con la Banca centrale costretta finora ad aumentare i tassi d’interesse del 40% da inizio anno, ma secondo il governo di Buenos Aires la situazione è ben diversa da quella del crac finanziario del 2001. Però intanto riecco la fuga di capitali, dopo l’impennata del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Siria, la verità della strage chimica nei morti nascosti

prev
Articolo Successivo

Addio Olmi, controcampo del cinema senza dogmi

next