L'accordo

La mediazione di Meloni: farà fuori il Reddito di cittadinanza, ma dal 2024

L'esclusiva - Il centrodestra avrebbe trovato la quadra per dare il colpo di grazia all'assegno per i poveri. La mediazione con la Lega: misura in vigore ancora per il 2023. Poi resterà solo per gli inoccupabili

21 Novembre 2022

Un taglio netto per dare un segnale politico. Il reddito di cittadinanza sarà prorogato per i cittadini occupabili fino al 31 dicembre 2023, poi stop. Dall’1 gennaio 2024 chi può lavorare resterà senza l’assegno introdotto dal governo Conte. Per gli inoccupabili, invece, il reddito di cittadinanza resterà.

È questo, a quanto risulta al Fatto Quotidiano, l’accordo trovato a Palazzo Chigi in vista del Consiglio dei ministri convocato per questa sera alle 20.30 che dovrà approvare la legge di Bilancio. L’intesa è frutto delle interlocuzioni di queste ore tra la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il ministro dell’Economia della Lega, Giancarlo Giorgetti.

Gli uffici legislativi, d’intesa con il ministero del Lavoro, stanno limando il testo che sarà discusso alle 17 a Palazzo Chigi in una riunione a cui parteciperanno Meloni, Giorgetti, la titolare del Lavoro, Elvira Calderone, e i vicepremier, Matteo Salvini e Antonio Tajani. Qualcosa durante la riunione e il Consiglio dei ministri potrebbe cambiare ma l’accordo politico in maggioranza c’è.

L’accordo è frutto di una mediazione tra la proposta di Meloni – via il reddito di cittadinanza a giugno 2023 – e quella leghista del sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, che proponeva un periodo di 6 mesi tra il primo e il secondo rinnovo del reddito di cittadinanza e poi un decalage continuo per diminuire il sostegno.

Per i cittadini occupabili (circa 650 mila) che dall’1 gennaio 2024 non avranno più sostegno sarà istituito un fondo per facilitare l’accesso al lavoro.

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui