Formare

Scuola del Fatto: intelligenza e conoscenza come via d’uscita contro conflitti e disuguaglianze

11 Novembre 2022

Una scuola di cittadinanza! Cosa ci potrebbe essere di più inattuale, in un Paese in cui un cittadino su tre si spoglia del diritto-dovere di votare, in cui una legge elettorale anticostituzionale priva tutti noi della rappresentanza democratica, in cui la scuola è piegata a produrre in serie il capitale umano, e a certificare il ‘merito’ acquisito con la nascita? Ebbene, proprio per rovesciare questa terribile attualità, abbiamo bisogno di una Scuola di pensiero critico, aperta a tutte e tutti e capace di forgiare gli strumenti di una ritrovata sovranità popolare.
In Assemblea costituente, Concetto Marchesi notava che non occorreva “chiamarsi socialisti o comunisti per riconoscere che i tre quarti della popolazione sono sottratti alla prova dell’attività intellettuale. La leva in massa degli eserciti è stata fatta da secoli, la leva dell’intelligenza mai”. Parole sagge di chi aveva attraversato il disastro della guerra, e voleva per i propri figli un futuro diverso: parole che oggi ci sfidano, perché siamo andati indietro invece che avanti, e mentre aumentiamo a dismisura la spesa militare, abbiamo abbandonato la scuola pubblica al suo destino. Federico II di Prussia diceva: “Se i miei soldati cominciassero a pensare, nessuno rimarrebbe nelle mie file”.

Aveva ragione, e proprio per questo è urgente imparare a pensare di più, e meglio: mentre una guerra mondiale a pezzi incendia l’Europa, la leva dell’intelligenza ci pare l’unica via d’uscita. Nello stesso modo, in un’Italia e in un mondo in cui le diseguaglianze aumentano al punto tale da disegnare una scena in cui pochissimi sono i padroni, e tutti gli altri sono schiavi, l’unico strumento di emancipazione è la conoscenza.

Don Lorenzo Milani sferzava così i suoi amatissimi ragazzi: “Siete proprio come vi vogliono i padroni: servi, chiusi e sottomessi. Se il padrone conosce 1.000 parole e tu ne conosci solo 100 sei destinato a essere sempre servo!”. Per questo restituire a tutte e tutti la parola è un atto rivoluzionario. E, ancora più profondamente, in un Occidente che ci vuole tutti disciplinati consumatori, per non rinunciare a essere felici, per non gettare via la nostra vita, è necessario provare a essere umani. Ed essere umani – ha scritto David Foster Wallace – “richiede attenzione, consapevolezza, disciplina, impegno e la capacità di tenere davvero agli altri… Questa è la vera libertà. Questo è imparare a pensare. L’alternativa è l’inconsapevolezza, la modalità predefinita, la corsa sfrenata al successo”.

Serve, dunque, una scuola capace di dare alle cittadine e ai cittadini del futuro gli strumenti per “afferrare il vivente” (Marc Bloch): non per aderire acriticamente al presente, ma per comprendere la misura umana – o disumana – del nostro tempo. E possibilmente per cambiarla. Così, abbiamo pensato a un corso introduttivo che offra un alfabeto sociale fondamentale, e poi – per il primo anno – a tre percorsi.

Il primo è dedicato alla grande questione del nostro tempo, su cui ci giochiamo presente, passato e futuro: quella della giustizia ambientale. Abbiamo ormai capito che, o cambiamo stile di vita, rapporti di forza, modello di sviluppo, oppure abbiamo gli anni contati, come umanità, e come pianeta. È questo il momento di fare la differenza: e la differenza la fa una opinione pubblica che ne sappia più di coloro che governano.

Il secondo percorso nasce dalla necessità di comprendere quel che sta drammaticamente avvenendo sotto i nostri occhi: la pace è finita, e il lunghissimo dopoguerra, che ha garantito pace e prosperità ai popoli occidentali (a spese di tutti gli altri), si è chiuso per sempre. Scegliere le fonti, saperle interpretare, argomentare le proprie opinioni: è il primo passo per non subire la direzione che il mondo prenderà.

Il terzo percorso parte dalla consapevolezza che viviamo in post-democrazie in cui la libertà è condizionata, e la sovranità popolare è solo una dichiarazione di principio. È urgente cambiare: rifondare una cittadinanza attiva che faccia politica. Non per diventare professionisti della politica, ma protagonisti della democrazia, della libertà, della giustizia.

Quante volte ci siamo chiesti, e continuiamo a chiederci, come sarà mai possibile cambiare davvero questo amatissimo, ma impossibile, Paese? Come costruire un senso dello Stato? Come formare un’opinione pubblica capace di controllare chi governa in suo nome, e di rifiutare un giornalismo servile e compromesso col potere? Come far crescere cittadine e cittadini che abbiano davvero a cuore il bene comune, l’interesse generale, e non solo il proprio particulare? Sono tante domande, ma la risposta è la stessa: una vera formazione al pensiero critico. Una scuola.

Per maggiori informazioni visita il sito www.scuoladelfatto.it

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui