L'intervento

Greta, la pacca sul culo e l’ipocrisia del giornalismo

Le "cose serie" - Autorevoli “penne” denunciano il “clamore” destato dalla manata subìta in diretta tv e ci chiedono dove siamo, noi femministe, quando si parla di morti sul lavoro. Noi ci siamo e riempiamo le piazze, ma loro? Forse sono talmente assuefatte da non rendersi conto che l'85% delle colleghe subisce molestie in redazione

Di Valentina Mira*
8 Dicembre 2021

È da giorni che i social ribollono dell’ennesima polemica dettata dal giornalismo, seguendone letteralmente quella che in gergo si chiama agenda setting, cioè la scelta degli argomenti di cui parlare. Nello specifico il tema è la pacca sul culo più nota del 2021, celebre solo perché immortalata dalle telecamere, dato che probabilmente non c’è donna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione