I cambiamenti climatici, tra siccità drammatiche e inondazioni devastanti, hanno ridotto i raccolti. Poi i rincari dell’energia, le difficoltà nei trasporti, la speculazione finanziaria che non fa vendere oggi ciò che domani sarà più costoso. Ma soprattutto la pandemia che ha spinto interi Stati, tra i quali Cina, India e Brasile, a ricostituire e ampliare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bollette, un’altra stangata e il governo non sa che fare

prev
Articolo Successivo

“Brunetta, tesoro”: Panucci si raddoppia lo stipendio

next