Da mesi i loro cellulari non tacciono un secondo. Ogni minuto un Whatsapp di un genitore, preside, gruppo Boy scout. Tutti chiedono la stessa cosa: “Possiamo fare il tampone?”. I telefoni sono delle biologhe della Statale di Milano, Elisa Borghi, e Valentina Massa. A novembre 2020 erano finite su tutti i giornali (le “ricercatrici-mamme”, le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Vaccinati oltre quota 30milioni. Iss: “In ospedale va chi non lo è”

prev
Articolo Successivo

“Covid, la pacchia delle lobby che fanno e disfano le leggi”

next