Dalle novelle apocrife di Virginie Ancelot. Nel castello di Enrico, duca di Borgogna, uno degli uomini più ricchi di Francia, vivevano centinaia di persone, fra cameriere, cuoche, servi, giardinieri, attendenti e uomini d’arme. In aggiunta, Enrico ospitava un cappellano, per la propria anima, e un’incantevole damigella dagli occhi scuri, Sofia, per la propria gioia. Un’amante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ior, i giudici: “Così sono stati dissipati 31 milioni di euro”

prev
Articolo Successivo

Il libro. Grazie a Indro Montanelli: la sua lezione ci ha guidati al “Fatto”

next