Conosciamo tutti l’Emir Kusturica cineasta, col suo cinema sgargiante, dionisiaco, sentimentale, surreale, poetico. Il regista di commedie vorticose e intrise di humour nero, venate di una malinconia di fondo per la patria perduta. Il narratore di storie mai viste prima sul grande schermo, tranche de vie magico-realistiche dalla Jugoslavia post-titina e dall’universo gitano. Il vincitore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Venezia, la Regata rema contro: donne premiate di meno

prev
Articolo Successivo

Il “Quaderno verde” di Levi: “Va’ dove ti porta il caso”

next