L’inedito

Il “Quaderno verde” di Levi: “Va’ dove ti porta il caso”

Ritrovato il “Diario 1935” di Carlo, scritto in carcere a Roma, prima del confino: appunti che sarebbero dovuti confluire in un saggio sulla pittura, l’altro suo grande amore

24 Luglio 2021

“Per gli studiosi di Carlo Levi è il leggendario Quaderno verde: un documento inedito del secondo periodo di prigionia, a Roma, di cui si leggevano menzioni vaghe ed estratti di varia lunghezza in forma frammentata e sparsa su riviste e in volume, spesso integrati dalla mano del critico o, al contrario, lacunosi e imprecisi”. Così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.