Bocciatura secca, senza se e senza ma, della norma della ministra della Giustizia Marta Cartabia sulla prescrizione-improcedibilità. L’ha decretata la competente sesta commissione del Csm, deliberando un parere negativo, tutto incentrato su questo punto della riforma penale, con 4 voti su su 6: quelli del presidente Fulvio Gigliotti, laico M5S e dei togati Sebastiano Ardita, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mattarella ottuagenario si trasformerà in re Sergio?

prev
Articolo Successivo

I pm: “L’assessore resti ai domiciliari. Se esce di casa, può sparare ancora”

next