“Opere di carità del Santo Padre”. È con i bonifici con questa causale che, secondo gli inquirenti vaticani, il cardinale Angelo Becciu ha eluso i controlli del fisco italiano finanziando, attraverso la Segreteria di Stato vaticana, la cooperativa bianca del fratello Antonino, la falegnameria dell’altro fratello, Francesco, e – in minima parte – anche una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ddl Zan, il blitz leghista per affossarlo

prev
Articolo Successivo

La Bulgaria cambia musica. Un rocker contro la destra

next