La casa post Covid? Più grande. Con una stanza in più per fare smart working. Anzi no. Con due stanze in più per la didattica a distanza dei ragazzi. Anzi no. È l’ora delle micro-case, dice la società svizzera Artisa. Che a Milano annuncia un piano da 2 mila alloggi nella seconda periferia entro il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Se 25 anni di “Wannabe” per la musica non sono ancora abbastanza

prev
Articolo Successivo

L’effetto smart working affonda i prezzi: -3,2%. Ma i fondi comprano

next