Si potrebbe quasi definire un blitz, se non fosse che di fatto l’hanno votato tutti i partiti, salvo poi – almeno nel caso di 5 Stelle e LeU – pentirsene. Sta di fatto che è arrivata la prima vera picconata al “decreto Dignità”, che dal 2018 (governo gialloverde) ha messo un tiepido argine al ricorso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quelli che… il duce Mario “tira diritto”

prev
Articolo Successivo

Cashback, licenziamenti & C.: ruspa Draghi

next