Sono le 6 della sera a Wimbledon. Campo centrale. Prima palla. Serve il canadese Felix Auger-Aliassime. Contende a Matteo Berrettini l’accesso alla semifinale. L’anticamera della gloria tennistica. L’Italia del pallone passa il testimone all’ambiziosa Italia della racchetta. Aliassime e Berrettini sono amici. Molto. Alja Tomijanovic, la ragazza (tennista pure lei) di Matteo e Nina Ghaibi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Ci vorrebbe un premio ‘Raffa’. E Dante era uno psichedelico”

prev
Articolo Successivo

Afro e poliziotto: Adams candidato perfetto per i Dem

next