Per un perfido paradosso, Ivan Scalfarotto è forse il politico più odiato dalla comunità gay italiana. Dev’essere per il malinteso senso del compromesso e della mediazione: quel “realismo” che gli fa cambiare idea, dal tramonto all’alba, sulla radicalità delle battaglie per i diritti. Ieri sulla stepchild adoption, oggi sul ddl Zan: basta una telefonata di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Omofobia: la conta al Senato. I renziani dem pronti a tradire

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next