Anche i condannati per mafia e terrorismo, se stanno scontando la pena fuori dal carcere, hanno diritto ai trattamenti assistenziali come il sussidio di disoccupazione o la pensione. La revoca di questi ultimi, ha stabilito la Corte costituzionale, è “illegittima”. Secondo i giudici, relatore Giuliano Amato, “è irragionevole che lo Stato valuti un soggetto meritevole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il finale di Grillo: da padre fondatore a padre padrone

prev
Articolo Successivo

Capaci, carabiniere incastrato da chat: “Nuove indagini”

next