Il termine più utilizzato per definire Guglielmo Epifani, scomparso ieri a 71 anni, è “elegante”. Nei modi, nel ragionamento, nel rapporto con gli avversari e con i compagni di partito e sindacato. L’eleganza è generalmente innata, ma nel suo caso può aver contribuito la radice politica del suo impegno, socialista nella Cgil quando tra socialisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il re ama le bocce, lo zar i soldatini: giochi da ragazzi

prev
Articolo Successivo

Utili vietati? 8 miliardi di fatturato e bollette sempre più salate. E col Pnrr andrà peggio

next