Senza voler mancare di rispetto a Enrico Michetti, l’avvocato-tribuno in gara per il Campidoglio, che immagina il saluto romano come assai “più igienico” visti i tempi (“se per qualcuno è rievocativo del fascismo e del nazismo è un problema suo”, ha aggiunto spiegandosi anche meglio) perché non ritenere plausibile, nella ricca rosa di papabili dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Anatre e farfalle, la risata trionfa (un po’) sul destino

prev
Articolo Successivo

“Ho cantato Bandiera rossa vicino alla Regina d’Olanda. E dico grazie a mio padre”

next