Rispetto a lui adolescente il giudizio è senza appello: “Ero uno stronzo clamoroso”; poi ha scoperto i libri, il palco, l’arte della recitazione, la politica (“Vent’anni fa ero a Genova, ancora prima a Napoli”) e ha scovato dentro di sé la giusta distanza tra due poli, realmente opposti, che hanno segnato la sua esistenza (“Mio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Destra, la “marcia su Roma” come un casting di Verdone

prev
Articolo Successivo

Al-Ula: il sito Unesco rischia di diventare resort per ricchi

next