A volte capita. A me è successo quest’ anno. Dover seguire da vicino la vita di un malato, una malata. Una signora non più giovane ma molto giovanile, perfino sbarazzina. E conoscere così le fatiche quotidiane di un’Italia forse smisurata. Ho dunque visto questa signora soffrire di sintomi strani, tali da far sospettare il cosiddetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Omofobia “Il pugno in faccia, perché sono gay e i lividi incurabili: il ddl Zan è la mia medicina”

prev
Articolo Successivo

Cittadella. Il club di Peppone e Don Camillo sogna la Serie A e porta a scuola Berlusconi

next