A Milano c’è il Candidato Unico; e c’è il candidato che c’è e non c’è. Il primo, si sa, è Giuseppe Sala, che ci ha messo un sacco per decidere di gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma dopo un lungo, ciclistico surplace – in cui si è guardato in giro per vedere se c’erano posti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il parlamento si svegli davanti a questa offensiva delle mafie

prev
Articolo Successivo

Stoccaggio CO2: tutti in piazza contro il piano Eni

next