A riprova che il mito di Napoleone, in bilico tra leggenda del salvatore e narrazione del tiranno, è inesauribile, esce oggi in Francia Écrits clandestins de Sainte-Hélène (Éditions Perrin, a cura di Thierry Lentz, direttore della Fondation Napoléon), redatti dall’imperatore dal 1817 al 1818 mentre è in esilio e pubblicati in Inghilterra. Stilati come lettere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Napoleone per stomaci forti

prev
Articolo Successivo

Quando la serie tv ammazza il cinema

next