Il Consiglio superiore della magistratura “opera soltanto sulla base di atti formali e secondo procedure codificate”, fa sapere il Csm nella tarda serata di ieri. Ed è un segnale chiaro alla vicenda che riguarda Piercamillo Davigo e gli atti secretati che nella scorsa primavera gli consegnò il pm di Milano, Paolo Storari, convinto che i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il dirigente Rai assunto in Agcom

prev
Articolo Successivo

Da Milano a Perugia: il domino dell’avvocato Amara sulle Procure

next