Per i piani alti di Viale Mazzini è stato un gesto di cortesia istituzionale. E per l’Autorità per le comunicazioni, che quel beau geste ha molto apprezzato, il problema non si pone: che un dirigente dell’azienda del servizio pubblico televisivo vada in prestito come capo di gabinetto all’Agcom, non configura neppure potenzialmente alcun conflitto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Consip: “Marroni attendibile”. Più in salita la strada per Lotti

prev
Articolo Successivo

Csm, volano stracci e verbali. Il Consiglio scarica Davigo

next