Matteo Salvini per la prima volta si accorge cosa vuol dire avere un suo fedelissimo al vertice della Conferenza delle Regioni. Perché nel day after dello strappo in Cdm con la Lega che, per ordine del segretario, non ha votato il decreto sulle riaperture, sono i presidenti di Regione, guidati dal leghista Massimiliano Fedriga, ad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

“Viva il decreto, muoia il decreto” Le mille giravolte di Matteo&C.

next