Stare dietro alle giravolte di Matteo Salvini e della Lega somiglia sempre più a uno sport olimpico, non foss’altro per la fatica che si fa a tenere il passo. L’ultimo capolavoro di incoerenza si è materializzato due sere fa in Consiglio dei ministri, quando i leghisti non hanno votato il decreto delle riaperture, contestando le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Scuola e coprifuoco, le Regioni in rivolta: “Il governo viola i patti”

prev
Articolo Successivo

Al Nord si muore il doppio che in Ue “Presto per aprire”

next