Le sale chiuse e i concerti rimandati non sono l’unico problema dello spettacolo dal vivo. Finora per la pandemia il settore dello spettacolo ha ricevuto circa 927 milioni dal Mibact (esclusi i fondi a cinema e musei), tra contributi Fus in deroga, extra Fus e sostegni, ma il blocco quasi totale delle attività ha acceso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I ristori ai soliti signori delle grandi mostre

prev
Articolo Successivo

Quel drenaggio di soldi pubblici verso tasche private

next