Gramsci. Nel 1911, appena arrivato a Torino, Gramsci aveva una borsa di studio di 70 lire al mese: abitava in una stanzetta in corso Firenze 57 che costava una lira e 50 al giorno. “Tolte le 25 lire al mese per l’affitto, ne rimangono 45 per la pulizia della biancheria (5 lire), il lucido per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Simenon, dieci piccoli inediti: ecco i racconti “embrionali”

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Una Salute senza Speranza: parte l’assalto al ministero. Dopo AstraZeneca a rischio J&J

next