Dove c’è un’Atomica fuorilegge, c’è il suo zampino. Perché la sua ‘vocazione’ nucleare nacque in funzione anti-indiana, dopo che New Delhi s’era dotata della ‘bomba’; e perché nel suo radicalismo considera Israele un nemico. Il sabotaggio, a opera d’Israele, degli impianti nucleari iraniani di Natanz e le manovre d’avvicinamento in atto tra Iran e Stati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Viviamo in un regime autocratico, chi chiede libertà finisce in cella”

prev
Articolo Successivo

Una “patrimoniale dal basso” nel nome di Papa Francesco

next