È passata una settimana dalla richiesta di rogatoria inviata in Svizzera dalla Procura di Milano e dalla notizia che il governatore Attilio Fontana è indagato per autoriciclaggio e false dichiarazioni in voluntary rispetto alla vicenda dei suoi conti esteri. Eppure il presidente della Regione Lombardia ancora non ha portato ai magistrati i documenti che, a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Iv e le destre contro la Spazzacorrotti

prev
Articolo Successivo

C’è udienza, B. di nuovo ricoverato

next