In barba all’Ue, AstraZeneca continua a privilegiare il Regno Unito. Oltre a riservare a Londra le dosi finora sfornate sul territorio britannico, ha ottenuto dall’ente di regolamentazione nazionale (Mhra) l’autorizzazione a importare dall’India quantitativi prodotti dal Serum Institute. A esso, nel 2020, la multinazionale anglo-svedese aveva inizialmente rilasciato una licenza di produzione destinata a soddisfare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

AstraZeneca: limitazioni oggi e altri ritardi domani

prev
Articolo Successivo

Contagi e ricoveri in intensiva: ora l’età media è 47 anni (un anno fa era 62)

next