Chissà che ne avrebbe fatto Alfred Hitchcock, di questa donna che visse due volte. Film e attrice sono dello stesso anno: 1958. Il bello di vivere due volte, in mezzo un ictus cerebrale, è l’autobiografia di Sharon Stone. C’è quella brutta soluzione di continuità, che nel 2001 le stravolge famiglia, carriera e capitale, ma c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’alunno perfetto secondo Bianchi

prev
Articolo Successivo

Diritti ai David: il biopic su Ligabue ha 15 nomination

next