Erano giorni di formidabili scoperte. “Hai ascoltato Nevermind dei Nirvana?”. “E questo Ten dei Pearl Jam com’è?”. “Puaaah, Badmotorfinger li supera tutti…”. Si risparmiavano paghette, si saltavano colazioni e il cinema nel weekend, per raccogliere i soldi che avrebbero permesso di acquistare le chiavi che aprivano mondi: i cd e i vinili. Come ogni favola […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Speravo de morì prima”: l’eroe Totti esce di scena

prev
Articolo Successivo

Fucili, tate, lacrime e sigarette: una vita da nobili Windsor

next