Non ci sono solo i senatori a chiedere la via prioritaria. La corsa ai vaccini scatena tutti. Con motivazioni più disparate: chi perché svolge un servizio essenziale al Paese, chi perché è a stretto contatto con i malati o le categorie a rischio, chi perché lavora col pubblico. Una folle corsa dove il minimo è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Se tengono i brevetti, le case farmaceutiche vanno nazionalizzate”

prev
Articolo Successivo

La missione in Cina non è servita a nulla

next