Quando nell’aprile del 2017 Luigi Di Maio definì le navi delle Ong nel Mediterraneo “taxi del mare”, ci fu una dura reazione del mondo della cooperazione, che si sentiva attaccata per il suo impegno nel recupero di vite in mare. Eppure, la chiusura dell’inchiesta della Procura di Trapani, a quasi 3 anni dall’inizio dell’indagine, sembra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Concessioni, un affare per pochi Gavio fa il pieno di quelle in gara

prev
Articolo Successivo

Migranti bloccati. Di Maio: “Salvini decideva tutto da solo”

next