Doveva essere il sistema che, dopo il crollo del Ponte Morandi, avrebbe archiviato la stagione delle concessioni autostradali trasformate in un bancomat perpetuo. Le concessioni che scadono devono essere divise in lotti e messe a gara o tornare allo Stato, basta proroghe pluriennali in cambio di investimenti solo promessi. Si sono scelte le gare, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Associazione per delinquere, Alfredo Romeo va a processo

prev
Articolo Successivo

Le accuse dei pm alle Ong: “Appuntamenti in mare”

next