Il viaggio di Papa Francesco, appena atterrato in Iraq, inizia con la novità di un’auto blindata, una Bmw con i vetri antiproiettile messa a disposizione dalle forze di sicurezza irachene, a testimoniare lo stato di allerta per la visita del Pontefice in un territorio ancora martoriato dalle violenze. Questa tappa è destinata a cambiare per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Nella prigione Ik-2 rischi stupri e torture: Navalny è all’inferno”

prev
Articolo Successivo

Pechino e la riforma elettorale: candidati solo i veri “patrioti”

next